La certificazione delle competenze HR

La certificazione delle competenze HR è uno strumento di terza parte, sviluppato da AIDP e Rina Services, volto a garantire al mercato le competenze professionali in un’area vastissima e non regolamentata in ordini o collegi. Un elemento distintivo di competitività. 

Leggi la presentazione e la documentazione sotto riportata. E per maggiori informazioni scrivici utilizzando il form. Ti risponderanno personalmente i referenti di RINA Services.

scrivici





Date delle prossime sessioni di esame 2017/2018

  • 28 settembre (Milano)

  • 21 novembre (Milano)

  • 18 gennaio 2018 (Roma)

  • 20 febbraio 2018 (Milano)

  • 10 aprile 2018 (Roma)

VISUALIZZA LA PRESENTAZIONE

Speciale su La Certificazione delle Competenze HR Bollettino ADAPT.it

Contesto e storia del progetto

Il contesto lavorativo in cui ci troviamo ad operare è sempre più complesso e in continuo cambiamento e richiede, in modo pressante, professionalità solide e in linea con le sfide che ambiente e competizione pongono: il percorso di certificazione delle competenze è oggi fondamentale non solo per consolidare l’immagine della nostra professione, ma ci è richiesto, in modo ineludibile, dal contesto di riferimento italiano ed europeo.

AIDP ha visto riconosciuto il proprio ruolo e ha scelto per sviluppare il percorso di certificazione RINA Services.

RINA Services è un Gruppo Multinazionale con esperienza da più di 150 anni nel campo delle certificazioni, che per la certificazione del personale secondo norme UNI, opera in regime di accreditamento ACCREDIA secondo la UNI CEI EN ISO/IEC 17024.

La pubblicazione del disciplinare AIDP/RINA costituisce un passo significativo nel percorso di consolidamento e sviluppo delle professioni operanti in area Risorse Umane definendo con maggior chiarezza confini e profilo dei professionisti HR.

Lo scopo e gli obiettivi operativi

La certificazione delle competenze in ambito Human Resources (HR) ha lo scopo di promuovere e tutelare la professionalità di coloro che nelle varie organizzazioni pubbliche e private si occupano di gestire, sviluppare e valorizzare il rapporto Persona-Lavoro.
I principali obiettivi del progetto sono:

  • disporre di una configurazione dei profili in ambito HR in termini di attività e competenze. Identità e contenuti;
  • ottenere una valutazione da un organismo di parte terza della propria professionalità;
  • acquisire un elemento distintivo per migliorare la propria posizione di competitività sul mercato;
  • pianificare un miglioramento continuo, tramite una formazione costante e strutturata.

Il processo. Filosofia e metodologia

Il Team creato tra AIDP e RINA, ha lavorato per oltre due anni, concependo il processo di certificazione.
Un processo di analisi dei contenuti professionali delle famiglie di attività, dei principali ruoli e la costruzione del disciplinare (regole, metodologie, e percorso di esame) per l'ottenimento della certificazione.

La metodologia si basa sulla capacità complessiva di gestione di attività e di progetti in relazione ai diversi livelli di responsabilità: da attività tecnica di supporto ad attività decisionale/strategica e non sulla scomposizione delle competenze e relativa valutazione (hard e soft).

Naturalmente il gruppo di lavoro è consapevole di aver introdotto, in questo modo, una semplificazione della realtà sicuramente più articolata delle molteplici tipologie organizzative. Si è potuto, quindi, giungere a un raggruppamento a fattor comune, condizione imprescindibile per avere un minimo di standardizzazione su cui basare il processo di certificazione.

Partendo dall’analisi delle diverse figure HR presenti nelle organizzazioni e delle singole attività, si è arrivati all’individuazione di due profili professionali così definiti:

Generalista
(area Normativo-Sindacale e Sviluppo): HR Manager o HR Executive
Specialista (area Normativo-Sindacale o Sviluppo): HR Specialist o Senior HR Specialist.

La certificazione sarà realizzata da una Commissione di professionisti HR qualificati.

La prima fase del percorso è costituita dall’analisi dei prerequisiti di ammissione (esame del curriculum e delle esperienze professionali), la seconda è rappresentata dalla presentazione di un progetto (su format predefinito) concretamente sviluppato dal candidato e che verrà inviato alla Commissione.
In caso di valutazione positiva, il candidato verrà invitato alla sessione di esame ove avrà la possibilità di sviluppare, su format predefinito, un caso su un tema assegnato dalla Commissione (terza fase) e infine accedere alla prova orale (quarta fase). Ove superato positivamente l’esame, il candidato otterrà la certificazione.

Certificare la professionalità HR significa, quindi, valorizzare un profilo professionale che insieme alle altre figure presenti nelle organizzazioni, gestisce processi e relazioni.

LINK UTILI, APPROFONDIMENTI e DOCUMENTAZIONE da rina.org

Presentazione

Regolamento generale per la certificazione delle persone

Scheda Integrativa dei Requisiti di certificazione

Questionario informativo: richiesta di certificazione e tariffario figure professionali HR

 

In sintesi

Perché la “certificazione” 

Per ri-conoscersi, farsi riconoscere, farsi valutare, farsi scegliere. La certificazione, come pure la normazione, contribuisce al processo identitario, cioè su “chi essere” e “come essere” professionista HR, sia esso manager o specialista.

Per chi

Per i manager e professionisti HR e per tutti i loro stakeholder. Per lo sviluppo qualitativo e tipologico delle competenze, per lo sviluppo del business.